semi di pompelmo fitoben

Semi di pompelmo

L’efficacia dei semi di pompelmo (GSE cioè Grapefruit seed extract) è stata scoperta nel 1980 dal dr Jacob Helrich, fisico e immunologo americano. Egli notò che i semi di pompelmo destinati alla trasformazione in fertilizzante vegetale non si decomponevano a differenza degli altri materiali. Decise di studiare il fenomeno e scoprì che essi contenevano sostanze più efficaci e meno nocive degli altri antibiotici.
Il loro spettro d’azione è molto ampio: agisce contro batteri gram positivi, gram negativi, virus, funghi, lieviti, muffe, parassiti e protozoi.

L’estratto di semi di pompelmo agisce nei seguenti ambiti: Continua →

propoli Fitoben

Propoli

La propoli è il prodotto dell’alveare utilizzato fin dall’antichità per le infezioni e le malattie da raffreddamento; il suo uso è stato soppiantato dal 900 dai farmaci di sintesi.
Essa viene prodotta dalle api elaborando particelle di resina.
É costituita da parti gommose, balsamiche e resinose, oli essenziali, polline, vitamine (B1, B2, B6, PP, C e E), sali minerali (calcio, rame, ferro, manganese, silice, alluminio) e flavonoidi.

Svariati studi clinici hanno evidenziato l’azione anti batterica, antivirale ed antifungina della propoli. Continua →

echinacea

Echinacea

L’echinacea è una pianta terapeutica della famiglia delle Asteraceae originaria del nord America.
L’uomo la utilizza da secoli e forse anche più ma i primi a scoprirla furono i Nativi americani che pare abbiano appreso i suoi segreti medicamentosi osservando le alci che se ne nutrivano se malate o ferite. Uno dei nomi dell’echinacea è infatti “Elk Root” o “radice dell’alce”.

La parte più utilizzata è infatti la radice che ha un particolare colore nero. Essa fu un medicamento fondamentale per gli indiani delle pianure americane che la utilizzavano per le sue proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie, cicatrizzanti e molto altro. Continua →